2v

LIBRO

rispose il Tolomeo: che fecero grande Roma furono i buoni ordini de le leggi et l'osseruanze di quelle, lequali parimente hanno fatta anchora grande Vinegia, et mantenua la in libertà à 1200.anni. Vero è rispose il Bino. Ma quali siano questi ordini de le leggi i quali osseruati fanno questa grandezza nele Republiche, desidero grandeme[n]te intender da uoi p[er]cioche la bellezza et dottrina de uostri discorsi, mi fa creder che uoi ne siate cosi risoluto, che tutta questa compagna habbia à restar molto ubrigata, se di cia la uorrete far degna. Cosi degno foss'io, rispose il Tolomeo à ragionar di materia si graue, come uoi dignissimi sete d'udirla; ma io dubito se uorrò sodisfarui i[n] quest parte, che converrà mettermi tanto oltre, nel Palazzo maggiore, di che ragionamo poco inanzi, che tirato dal desiderio di ueder ogni cosa d'una in unaltra ruina caminando, io poi non smarrischi la strada a l'uscire; Impero che la grauità del soggetto di cui intendete ch'io parli è troppo dispare ala bassezza del mio pouero ingegno; ne misurandola con essa, mi rendo certo, dispiacerei à uoi, et faci torto à me stesso. Torto farete uoi al desiderio nostro rispose Fra Sebastiano, et a l'oppenione che habbiam de la uostra uertù, non compiacendo a questo nostro desiderio; il quale ben potete ueder depinto nel uiso di tutti noi: et gia da ogni parte ui era chi pregaua, et chi col uolto, et con gli atti accennaua che ci uolesse dar principio al desiderato ragionamento: tutti lodando Messer Bino, che posto l'hauesse in campo; quando il Tolomeo cosi incominciando disse. Questa uertuosa nobil co[m]pagnia, merita certamente ogni sodisfazzione da me, et ogni honore; ma non

2v